Museo di Charles Dickens, Londra vittoriana

di
charles_disckens_museum

Sulla sua scrivania, il leggio logoro è ancora lì. Lì, dove scrisse e lesse storie meravigliose agli amici seduti in quella che fu una delle stanze più importanti della casa. E che oggi è il museo di Charles Dickens a Londra.

Aperta nel 1925 grazie all’associazione Dickens Fellowship, la struttura museale era in origine un edificio vittoriano al 48 di Daughty Street nel distretto di Holborn, dove il grande romanziere inglese visse per oltre due anni.

Era arrivato qui, un anno dopo il matrimonio con Catherine, il 25 marzo 1837. E ci rimase sino al dicembre del 1839. In questa casa aveva trasferito la famiglia e il suo talento per vergare pagine indelebili che ancor oggi sono capolavori mondiali letti da milioni di persone.

Qui, in quello che oggi è il museo di Charles Dickens, il romanziere inglese completò Il Circolo Pickwick (1836) e scrisse Oliver Twist (1838) e Nicholas Nickleby (1838–39). E lavorò al Barnaby Rudge (1840–41).

In questa casa presa in affitto a ottanta sterline l’anno – l’unica rimasta delle sue residenze londinesi -, l’artista inglese trascorse momenti felici con la moglie e i tre maggiori dei suoi dieci figli. Sempre qui, nacquero altre due bambine: Mary e Kate Macready.

A loro, nell’attuale museo di Charles Dickens, si aggiunsero il fratello minore dello scrittore, Frederick, e la sorella maggiore di Catherine, Mary, poi morta dopo una breve malattia nel 1837. E che l’autore inglese ricordò spesso nei suoi romanzi.

Dopo una ristrutturazione durata oltre otto anni, l’edificio vittoriano è stato riportato al suo splendore e altri cimeli si sono aggiunti a quelli esistenti: ricreando così l’atmosfera tipico di quel periodo.

Disposto su quattro piani, il museo di Charles Dickens è uno scrigno di oggetti e ricordi:
tra i mobili originali delle stanze spiccano edizioni rare delle opere di Dickens, manoscritti, e diversi altri articoli dell’autore.

Tra gli oggetti più preziosi c’è il ritratto dell’autore, Il sogno di Dickens realizzato ma non finito da R.W. Buss – lo stesso artista che illustrò Il Circolo Pickwick. Il dipinto ritrae il romanziere nello studio a Gads Hill Place con molti dei personaggi che il suo genio creò. La vera grande immortale eredità di un artista immortale.

Per approfondire:
Wikipedia

I commenti all'articolo "Museo di Charles Dickens, Londra vittoriana"

Google+

Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...